Microgreens: Alfalfa, padre di tutti gli alimenti.

Microgreens: Alfalfa, padre di tutti gli alimenti.

Cosa è l’ Alfalfa.
L'alfalfa (dall'arabo al-fal-fa: "padre di tutti gli alimenti"), più nota in Italia come Erba medica, è una leguminosa originaria dell'Asia Minore, in special modo nell'area da sempre sede del popolo Armeno, ed era assai apprezzata presso i Persiani, tant'è che il nome erba "medica", sta per "erba dei Medi", antico popolo iranico.
I semi di alfalfa di presentano di dimensioni molto ridotte, attorno ai due millimetri, reniformi e di colore giallo dorato o marroncino.
Da circa duemila anni è presente nelle medicine tradizionali cinese, persiana e nell'Ayurveda, in particolar modo come base dei trattamenti per la ritenzione idrica e per i disagi all’intestino, come integratore naturale e ricostituente di proteine.

Composizione dei Microgreens di alfalfa o erba medica.
Fra tutti i Microgreens, quello di Alfalfa è il più completo dal punto di vista nutrizionale.

La percentuale di proteine può arrivare al 36%, contenendo tutti gli aminoacidi essenziali e otto degli enzimi essenziali per la digestione.

Per quanto attiene al complesso vitaminico, l’Alfalfa contiene la vitamina A (ne contiene la stessa percentuale della carota), numerose vitamine del gruppo B, ivi compresa la B12 o cobalamina, le vitamine C, D, E, K e PP.
Per quanto concerne lo spettro dei sali minerali i Microgreens di Alfalfa contengono Calcio, Fosforo, Magnesio, Potassio, Ferro, Selenio e Zinco.

Proprietà e benefici
I Microgreens di Alfalfa sono di aiuto per il controllo del colesterolo visto che contribuiscono a diminuire il livello di colesterolo LDL e ad aumentare il livello di colesterolo HDL.
Vengono utilizzati per chi soffre di reumatismi e sono assai utili per quanto riguarda la prevenzione dell'artrite.
L'alto contenuto di Manganese rende inoltre i Microgreens di Alfalfa indicati per i casi di diabete.

Caratteristiche organolettiche e impieghi dei Microgreens di Alfalfa.
Il sapore delicato dei Microgreens di Alfalfa permette di poterli consumare in molte versioni: crudi in insalate miste, trasformati in crema o usati come ingredienti per succhi o estratti, o infine cotti.

content: source autore, SIX Signs of Innovation.

Add Comment